XChiudi

Proseguendo la navigazione sul nostro sito, lei accetta che vengano utilizzati dei cookie per proporle servizi e offerte in linea con le sue aree di interesse.

Per saperne di più e configurare i cookie
α-BISABOLOLO
Principale indicazione: pelle sensibile e reattiva
ATTIVO PURO A41
Sintesi bibliografica
 
  • Nome INCI : BISABOLOL
  • Molecola pura a più del 92 %, estratta dalla corteccia di Candeia
    (Vanillosmopis erythropappa)
 

L’α-bisabololo è estratto per distillazione dal legno dell’albero di Candeia (Vanillosmopis erythropappa), attraverso un processo naturale al 100%. Questo albero si trova generalmente nella foresta brasiliana. È utilizzato da molto tempo in medicina per contrastare le infiammazioni dovute ad aggressioni esterne.  In campo cosmetico, questo sesquiterpene rientra nella composizione di numerosi prodotti (anti-età, creme solari e doposole…) per le sue proprietà lenitive, antinfiammatorie e antimicrobiche. È stata dimostrata la sua efficacia nel calmare le irritazioni delle pelli sensibili e reattive. Lenitivo e riparatore, allevia e ripristina il confort cutaneo.

 

  • MECCANISMI DI AZIONE / PROVE DI EFFICACIA

Studi scientifici riconosciuti dimostrano che questa molecola agisce a vari livelli della pelle.
• Attività antinfiammatoria
L’α-Bisabololo interviene inizialmente sulla liberazione di alcuni mediatori dell’infiammazione, come la citochina IL-1a e il leucotriene B4 [1, 3]. Queste due molecole sono coinvolte nelle reazioni legate all’ipersensibilità cutanea.
L’α-Bisabololo agisce all’origine dell’infiammazione, limitando la liberazione di questi mediatori pro-infiammatori. L’ α-Bisabololo è in grado di lenire efficacemente le irritazioni cutanee [4].
• Attività antiossidante
Interferisce anche nella produzione delle ROS (Reactive Oxygen Species), perturbando il concatenamento delle reazioni che generano i radicali liberi. Il Bisabololo svolge quindi un’attività antiossidante [5].
Riduce l’intensità degli arrossamenti e la sensazione di fastidio (arrossamento, prurito, pelle che tira, bruciore) [2, 6]. L’α-Bisabololo riduce così gli eritemi indotti dai raggi UV o dalla temperatura [2].

 

  • IL PARERE DEL NOSTRO ESPERTO

Molecola naturale, tradizionalmente riconosciuta per il suo potere lenitivo, la sua attività permane inferiore a quella dell’acido glicirretinico, ma la sua associazione è interessante. Questo principio attivo, il cui meccanismo di azione non è ancora stato chiaramente definito, è raramente presente da solo in prodotti paragonabili tra loro.

La sua attività (meglio conosciuta) è attestata da sperimentazioni più recenti condotte dai fornitori di materie prime per rilanciarne l’interesse, soprattutto in qualità pura con assenza di farnesolo. Queste molecole terpeniche sono infatti spesso associate in una chimica combinatoria molto ricca, realizzata dai vegetali intorno ai motivi politerpenici. Le dosi interessanti sono tradizionalmente comprese tra 0,5% e 1%, e sembrano essere giustificate dalle sperimentazioni più recenti. Riassumendo, si tratta di un principio attivo, associabile senza alcun rischio nelle concentrazioni proposte, per favorire la tolleranza dei prodotti.

 

  • DOSE EFFICACE

L’insieme delle pubblicazioni e degli studi scientifici, gli impieghi abituali di questo principio attivo e il parere del nostro esperto, ci hanno indotti ad utilizzare l’Attivo Puro Bisabololo alla dose di 25 mg per flacone.

 

  • STUDI SCIENTIFICI
    [1]

Attività

Metodo e durata

Prodotti testati e dose

Risultati

Antinfiammatoria

Applicazione, sulla schiena di volontari, di una soluzione di α-bisabololo a diverse concentrazioni in etanolo.
Esposizione delle zone a diverse dosi di raggi UV.

Soluzioni
in etanolo, tra 0,1% e 1%
di α-bisabololo.

A tutte le concentrazioni, si osserva un aumento della dose necessaria di raggi UV per creare un eritema.
Le concentrazioni tra 0,1% e 0,5% sembrano efficaci per prevenire gli arrossamenti dovuti ai raggi UV.
Le soluzioni di α-bisabololo accelerano del 20% la scomparsa degli eritemi.

 

[2]

Attività

Metodo e durata

Prodotti testati e dose

Risultati

Lenitiva

Creazione di un eritema mediante SDS sull’avambraccio di 20 volontari.
Da 4 a 6 ore dopo il trattamento con SDS, applicazione di 2 mg/cm2, 2 volte al giorno per 7 giorni.
La valutazione dell’arrossamento della pelle avviene inizialmente, tra 4 e 6 ore dopo il trattamento con SDS, e da 4 a 6 ore dopo l’ultima applicazione dei giorni l1, 2, 3, 5 e 7.

α-bisabololo disperso allo 0,1% in un olio minerale.

Si nota una significativa riduzione dell’arrossamento della pelle nei giorni 2, 3 e 5, rispetto al placebo.

Inibizione della liberazione della citochina IL-1a

Coltura di cheratinociti umani su piastre. Aggiunta di soluzioni di d’α-bisabololo in diverse concentrazioni.
Stimolazione della liberazione di citochine IL-1a, grazie a 0,2μM A23187 Ca2+ Ionoforesi

Soluzioni di α-bisabololo a 0,25, 2,5 e 25 μM

Senza α-bisabololo, la concentrazione di citochina IL-1a  è elevata (60 pg/ piastra). Si nota una riduzione della  quantità di citochina IL-1a per piastra per le tre concentrazioni testate.
Più esattamente, in presenza della soluzione a 25 μM di α-bisabololo, si osserva una riduzione del 25% della quantità di citochina IL-1a.

Inibizione della liberazione della citochina IL-1a e del leucotriene
B4

Su 4 cm2 di un modello di pelle (skinetic), creazione di irritazione con il Phorbol-12-miristato-13-acetato. Incubazione in presenza di 2 mg/cm2 di bisabololo a diverse concentrazioni. Misura della liberazione di leucotriene B4 e di citochina IL-1a (ELISA).
Controllo della vitalità delle cellule tramite MTT

2 mg/cm2 di soluzioni a 0,01, 0,1, 1,0 e 10% di α-bisabololo.

1) L’α-bisabololo mostra un’attività inibitrice della liberazione della citochina IL-1a. La sua efficacia è all’incirca pari a quella dell’indometacina.
L’efficacia sembra essere massima con una concentrazione di 0,1%.
A concentrazioni superiori, l’efficacia diminuisce.
2) L’α-bisabololo mostra un’attività inibitrice della liberazione del leucotriene B4.

 

 

  • RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

[3] A Review of the Application and Pharmacological Properties of α-Bisabolol and α-Bisabolol-Rich Oils. Kamatou GPP and Viljoen AM. Journal of the American Oil Chemists’ Society, 87(1):1-7. 2010.

[4] Livre: Stanzl, Klaus; Vollhardt, Jurgen, Handbook of cosmetic science and technology, Marcel Dekker Inc, éditeur Barel A O,.277-284. 2001.

[5] Anti oxydant activity of bisabolol : inhibitory effects on chemiluminescence of human neutrophil brusts and cell-free systems. pharmacology, 83. 2009.

[6] Whitening effect of alpha-bisabolol in Asian women subjects. Lee J et al. Int J Cosmet Sci. 32(4):299-303. 2010.

Questi dati sono forniti a titolo informativo e non costituiscono in alcun caso un’informazione medica né mettono in causa la nostra responsabilità. Questi documenti possono essere copiati o riprodotti solo ed esclusivamente a fini informativi, per un uso personale e privato. Qualunque copia o riproduzione utilizzata per altri scopi è espressamente vietata e metterebbe in causa la responsabilità del suo autore, ai sensi dell’articolo L 122-3 del Codice della Proprietà Intellettuale.