XChiudi

Proseguendo la navigazione sul nostro sito, lei accetta che vengano utilizzati dei cookie per proporle servizi e offerte in linea con le sue aree di interesse.

Per saperne di più e configurare i cookie
UREA
Principali indicazioni: pelle molto secca, che tira
ATTIVO PURO A33
Sintesi bibliografica
 
  • Nome INCI : Urea
  • Molecola pura al 99%, ottenuta tramite biosintesi

 

L’urea, naturalmente presente nell’organismo, è la principale forma di smaltimento dei composti azotati (provenienti dal metabolismo degli aminoacidi). Il fegato degrada gli aminoacidi in urea.

Presente nell’epidermide, essa proviene essenzialmente dalle ghiandole sudorifere e fa parte dei composti igroscopici dello strato corneo, i quali costituiscono il fattore naturale di idratazione (Natual Moisturizing Factor). Viene utilizzata in prodotti dermatologici e cosmetici, come creme, emulsioni per il corpo e gel. L’urea è presente in tutti i prodotti indicati per trattare la serosi, l’ittiosi e gli stati iper-cheratosici localizzati. L’urea è spesso impiegata nel trattamento delle dermatiti atopiche, nelle quali uno dei fattori predominanti è la secchezza cutanea.
Inoltre, l’urea risulta svolgere sia un’attività antibatterica che un effetto auto-regolatore (un eccesso di urea non provoca un eccesso di idratazione) e tende a favorire la penetrazione dei principi attivi.

Perfettamente ben tollerata, penetra assai facilmente nell’epidermide. L’urea utilizzata nei cosmetici è esclusivamente ottenuta tramite sintesi, in base ad un processo non inquinante, e il sui impiego è autorizzato nei cosmetici biologici.

 

  • MECCANISMI DI AZIONE / PROVE DI EFFICACIA

L’urea facilita l’eliminazione delle squame, favorisce il rinnovamento dei corneociti e costituisce un agente idratante di prima scelta per l’epidermide [1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8].

L’urea viene tradizionalmente impiegata in dermatologia per il trattamento delle pelli secche, principalmente perché è in grado di spezzare i legami di idrogeno delle catene proteiche e di alternarne la configurazione e l’aggregazione. DI conseguenza, a forte concentrazione (superiore al 10%), svolge un effetto cheratolitico ed aumenta la permeabilità cutanea. In concentrazioni pari o inferiori al 10%, favorisce il legame dell’’acqua sulle catene proteiche [9].

L’urea è igroscopica e rende le cellule epidermiche più idrofile [10, 11].

 

  • IL PARERE DEL NOSTRO ESPERTO
Questa molecola, molto semplice dal punto di vista chimico, tappa estrema del metabolismo degli acidi nucleici, non ha alcun effetto farmacologico specifico ma, proprio per la sua grande affinità con l’acqua, il suo carattere non ionico e la sua capacità di fornire legami di idrogeno, è in grado di interagire con le proteine e le strutture biologiche complesse.  Può facilitare la ritenzione idrica e, ad elevata concentrazione, essere dissociante e solubilizzante delle strutture biologiche. Le sue proprietà osmotiche cellulari sono ben note in farmacia e differiscono da quelle dei sali minerali.

 

A livello cutaneo, il suo potere umettante è apprezzabile in concentrazioni di ordine percentuale (dall’1% al 5%). Con il progressivo aumento della concentrazione, compaiono le proprietà dissocianti, le quali conferiscono all’urea la capacità di ”staccare” i corneociti meno saldamente ancorati. A forti dosi (circa 10%) queste proprietà cheratolitiche provocherebbero un effetto sufficiente per accelerare il rinnovamento epidermico e una stimolazione globale della pelle. Ciò ha permesso di proporre questo principio attivo per il foto-invecchiamento, in alternativa agli AHA.

A concentrazioni “estreme” (40% e oltre), i prodotti diventano molto “dissolventi”, al punto tale da consentire, ad esempio sotto occlusione, l’avulsione di un’unghia per trattare le onicomicosi. Le forti concentrazioni permettono anche la “pulizia” delle placche di psoriasi e di altre cheratosi (pilifere, plantari). Numerose preparazioni magistrali dermatologiche ne attestano l’impiego.

L’attività della molecola è fortemente subordinata alla formula galenica; non occorre ricercare una penetrazione profonda, in quanto le azioni note sono epidermiche (strato corneo), ma l’utilizzo concomitante di corpi grassi “schermo protettivo” influisce fortemente sul risultato ottenuto e sugli effetti legati alle concentrazioni.

 

  • DOSE EFFICACE
L’insieme delle pubblicazioni e degli studi scientifici, gli impieghi abituali di questo principio attivo e il parere del nostro esporto, ci hanno indotti ad utilizzare l’Attivo Puro Urea alla dose di 2500 mg per flacone.

 

 

  • RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

[1] The clinical benefit of moisturizers. Lodén M, J Eur Acad Dermatol Venereol. 19(6): 672-88. 2005.
[2] Significance of urea in external therapy. Wohlrab W, Hautarzt, 40 (9): 35-41. 1989.
[3] Instrumental and dermatologist evaluation of the effect of glycérine and urea on dry skin in atopic dermatitis. Loden M et al, Skin res technol, 7(4):109-213. 2001.
[4] Cream or foam in pedal skin care : towards the ideal vehicle for urea used against dry skin. Borelli C et al, Int J Cosmet Sci, 33(1): 37-43. 2010
[5] Influence of excipients on moisturizing effect of urea. Couteau C et al, Drug Dev Ind Pharm, 32(2) : 239-342. 2006.
[6] 10% urea cream (Laceran) for atopic dermatitis : A clinical and laboratory evaluation. Pigatto PD et al, Journal of Dermatological Treatment, 7(3): 171-175. 1996.
[7] A double-blind comparison of two creams containing urea as the active ingredient. Assessment of efficacy and side-effects by non-invasive techniques and a clinical scoring scheme. Serup J, Acta Derm Venereol Suppl (Stockh). 177: 34-43. 1992.
[8] Clinical evaluation of 40% urea and 12% ammonium lactate in the treatment of xerosis. Ademola J et al, Am J Clin Dermatol. 3(3): 217-222. 2002.
[9] ACTIFS ET ADDITIFS EN COSMETOLOGIE, Marie-Claude MArTINI, p 201. ED1992.
[10] Introduction neurodermatitis and urea. Wohlrab W, Hautarzt, 43(11):1-4. 1992.
[11] Moisture retaining effect and tolerance of urea containing Externa in neurodermatitis patients. Taube KM, Hautarzt, 43(11):30-32. 1992.

Questi dati sono forniti a titolo informativo e non costituiscono in alcun caso un’informazione medica né mettono in causa la nostra responsabilità. Questi documenti possono essere copiati o riprodotti solo ed esclusivamente a fini informativi, per un uso personale e privato. Qualunque copia o riproduzione utilizzata per altri scopi è espressamente vietata e metterebbe in causa la responsabilità del suo autore, ai sensi dell’articolo L 122-3 del Codice della Proprietà Intellettuale.